Basket: Trasferta a Venafro per la Bbc Group Bernalda

basket

Quarta di andata, domenica nel campionato di basket di serie B e  la Cestistica Bernalda va a Venafro, per una partita che nasconde tante insidie per il team lucano.

Per i ragazzi molisani guidati da coach Moscia sarà  già una  partita da “ultima spiaggia”,  dopo  le due sonore sconfitte sui campi di Lanciano e Scafati.

Dall’altra parte dovranno essere bravi Russo e compagni a tenere alta la concentrazione, cercando magari di aprire una serie positiva iniziata con la buona vittoria contro Martina Franca al PalaCampagna.

Una partita che i rossoblù dovranno affrontare con la giusta concentrazione   consapevoli che potrebbe essere la partita del rilancio verso un campionato da protagonista.

Coach Moscia ha a disposizione un roster di tutto rispetto, che fa dell’aggressività, sia in fase difensiva che offensiva, la sua arma migliore.

Il pericolo maggiore è il tridente formato da Marinello, Carrichiello e Petrazzuoli.

Il primo è un play classe ’91, alla sua prima in questa categoria.

Giocatore completo, sa attaccare il canestro in qualsiasi modo e momento.

Ernesto è invece un giocatore che conosciamo molto bene: il tiro da 3 punti e il suo atletismo saranno le spine nel fianco della nostra retroguardia.

Petrazzuoli, guardia classe ’88, è un giocatore molto simile all’ex rossoblu, che fa del tiro da 3 punti la sua specialità.

Sotto le plance c’è Vergara, giocatore che abbiamo incontrato nel lontano 2006, quando il centro classe ’79 vestiva la maglia del Canicattì.

La sua dote è un’immensa energia, che gli permette di lottare su ogni pallone, anche con gente più esperta e con qualche centimetro in più.

Questa è sicuramente l’ossatura del team molisano, intorno alla quale troviamo Minchella, Ferraro, Tamburini e Durante, tutti ragazzi con poca esperienza in categorie pro, ma che nelle prime due uscite stagionali hanno mostrato voglia di fare e di mettersi in mostra, con qualità tecniche e fisiche non di poco conto.

Per coach Cotrufo saranno tutti i a disposizione, anche se in settimana c’è stato qualche piccolo acciacco che non ha permesso il regolare svolgimento degli allenamenti.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*