Anche nel Metapontino le Mattinate Fai d’Inverno

Scritto da Emmenews on . Postato in Cultura

bernalda14-vi

Tornano per l’ottavo anno consecutivo le Mattinate Fai d’Inverno, il grande evento nazionale del Fai – Fondo Ambiente Italiano pensato per il mondo della scuola e in particolare dedicato alle classi iscritte al Fai, durante le quali gli studenti sono chiamati a mettersi in gioco in prima persona per scoprire le loro città da protagonisti. Proprio come le recenti Giornate Fai d’Autunno, questa ottava edizione sarà dedicata all’Infinito di Giacomo Leopardi, giovane straordinario della nostra storia letteraria che duecento anni fa, a soli 21 anni, scrisse la sua poesia più celebrata, in quell’Orto sul Colle dell’Infinito che è stato inaugurato dal FAI con il Comune di Recanati e il Centro Nazionale di Studi Leopardiani il 26 settembre 2019 a Recanati, primo Bene in concessione alla Fondazione nelle Marche.

Da lunedì 25 a sabato 30 novembre anche in Basilicata gli allievi delle classi “Amiche Fai” sono invitati a conoscere il patrimonio storico e artistico del proprio territorio con la guida degli Apprendisti Ciceroni, gli studenti appositamente formati dai Volontari FAI che operano in un dialogo continuo con i loro Docenti, di Delegati e Volontari FAI e dello Staff di Casa Noha (Matera). Indossati i panni di narratori d’eccezione, gli Apprendisti Ciceroni racconteranno alle classi in visita il valore di questi beni e le storie che custodiscono. Gli studenti avranno così l’occasione di partecipare a visite condotte da loro coetanei e di vivere un’insolita esperienza di “educazione tra pari”, che si traduce in un inedito e proficuo scambio tra nuove generazioni.

L’evento è riservato alle Classi Amiche Faiche sottoscrivendo l’iscrizione condividono gli obiettivi della Fondazione e contribuiscono alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio di arte e natura del nostro Paese.

Per informazioni sui beni aperti e per le prenotazioni delle visite consultare il sito internet www.mattinatefai.it

I Beni aperti in Basilicata

Casa Noha – Matera

A due passi dal Duomo, nella parte alta del Sasso Caveoso contigua alla Civita, Casa Noha, Bene del FAI inaugurato nel 2014, si propone al visitatore come “porta d’ingresso” alla città, ripercorrendone la storia plurimillenaria grazie a un innovativo progetto di comunicazione. Con la sua struttura in tufo, i soffitti a volta, i delicati intagli e le cornici, l’edificio rappresenta un esempio di architettura privata nei Sassi. Una scala esterna conduce dall’ariosa corte ai cinque ambienti interni, proprietà un tempo della nobile famiglia de Noha. Il Bene propone un inedito e avvincente viaggio multimediale attraverso il racconto filmato I Sassi invisibili. Viaggio straordinario nella storia di Matera e il tavolo multimediale interattivo, che consente di organizzare la propria visita alla città e nel territorio esterno del Parco Archeologico e Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano, scegliendo tra sei itinerari tutti da sperimentare.

L’organizzazione delle Mattinate FAI d’Inverno 2019 a Matera è a cura di Liliana Riccardi, Delegata FAI e Docente del Liceo Scientifico “Dante Alighieri”, con Donatella Acito, Property Manager. Accoglieranno gli studenti, con lo Staff di Casa Noha, i Delegati e Volontari FAI di Matera Michele Antonino, Marisa Carletti, Anna Contini, Marilena Cuccarese, Marilena D’Ercole, Elena Di Caro, Terry Paolicelli, Bruna Ponte, Liliana Riccardi, Tommaso Sasso.

Lunedì 25: ore 9.00-10.30

Martedì 26: ore 9.10-13.10

Mercoledì 27: ore 9.00-10.30

L’accesso a Casa Noha per le visite non è libero ma su prenotazione ed è rivolto esclusivamente alle Classi Amiche FAI. Per informazioni scrivere a: prenotazioni.matera@delegazionefai.fondoambiente.it

Chiesa SS. Medici – Bernalda

La chiesa è l’ultimo edificio religioso costruito per la comunità di Bernalda, in una zona che negli anni ‘70 era in continua espansione. Il titolo di SS. Medici è quello più comunemente usato per questa chiesa, pur essendo, invece, “Mater Ecclesiae” il titolo istituzionale. L’architettura certamente insolita riprende la configurazione di una nave il cui timone con la prua è rappresentato dal campanile. La pianta dell’edificio è trapezoidale, la struttura portante è di pilastri rettangolari in cemento armato con i muri perimetrali rivestiti in mattoni faccia a vista e tre pilastri a stella rastremati in cima, che reggono la imponente copertura a vela.

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’ I.C. “Pitagora” di Bernalda

Venerdì 29: ore 9.00-13.00

Sabato 30: ore 9.00-13.00/15.00-17.30

Commenti

Questo articolo è stato letto 208volte!

Tags: , , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto