All’istituto “Pitagora” prosegue il progetto Comenius

scuola

Durante la settimana che va dal 26 gennaio al primo febbraio l’istituto superiore “Pitagora” di Montalbano Jonico e la  sezione associata del liceo classico ed artistico di Nova Siri, saranno teatro di una interessante esperienza multiculturale: alcuni studenti della  scuola ospiteranno gruppi di coetanei provenienti da tre diverse scuole europee e precisamente da: “O.S.G.”Winkler Prins, Olanda; Lycée Jeanne d’Arc-Saint Ivy, Francia; Freiherr-vom-Stein-Gymnasium, Germania.

Si tratta di un progetto europeo  Comenius che è iniziato lo scorso anno, quando un gruppo di alunni italiani si è recato in Germania per la prima mobilità.

“E’ stata una esperienza meravigliosa”, ha commentato Filippo Paladino, alunno del liceo classico di Nova Siri, “al ritorno da Recklinghausen, “ho capito che lontano da casa tutto è diverso e che quello che sei, come persona, non è legato al nome che porti, ma soprattutto a quello che hai studiato, a quello che sai fare  e a quanto la scuola sia riuscita a darti”.

Lo scorso ottobre, invece, per la seconda mobilità, un gruppo di alunni di Montalbano, si è recato a Pontivy, in Francia, per proseguire il percorso.

Gli alunni sono stati ospitati dalle famiglie francesi ed hanno lavorato in un contesto multiculturale che ha arricchito notevolmente il loro bagaglio culturale.

L’ultima mobilità, prevista per Aprile, si svolgerà a Veendam, Olanda, dove si concluderanno i lavori e si incontreranno di nuovo, tutti i gruppi.

E adesso? “Adesso  tocca a noi” ha ribadito il dirigente scolastico dell’istituto montalbanese, Maria Amorigi, che da anni ha arricchito  il Pof della propria scuola con progetti europei finalizzati all’internalizzazione dell’offerta formativa della scuola.

“Mi piacerebbe che gli operatori scolastici, le famiglie e gli alunni riuscissero, insieme,  a regalare a questi gruppi, un pò della  magia della nostra terra, ricca di storia e tradizioni ma spesso poco nota all’estero o confusa con le regioni confinanti.

Il progetto dal titolo” Challenge our frontiers to respect others”  è finalizzato all’accrescimento della capacità di lavorare in gruppo in un ambiente multiculturale su  temi comuni, superando le paure e le  insicurezze che possono insorgere lontano dal contesto di origine e utilizzando le nuove tecnologie informatiche.

“Mi sentirei pienamente soddisfatta se”, ha aggiunto la professoressa Lucia Mastrosimone, docente di inglese presso il liceo classico di Nova Siri e Coordinatrice del progetto “i ragazzi capissero quanto la formazione e la capacità di comunicare in lingua straniera siano oggi strumenti  indispensabili per una corretta gestione delle relazioni interpersonali, all’interno di  un contesto  lavorativo multiculturale e internazionale.

Con la guida dei docenti coinvolti (Prof.ssa Paola Nifosi, Prof.ssa Maria Antonietta Violante e Prof.ssa Maria Grazia Stigliano), i ragazzi visiteranno la nostra terra, in un connubio di lavoro e divertimento, assaporandone bellezze artistiche e naturali, sapori,colori e musiche.

Saranno giorni intensi, occasione per i nostri “uomini di domani” non solo per fare nuove amicizie e per migliorare la conoscenza della lingua inglese, ma anche per vivere a 360 gradi in una dimensione europea.

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*