Cia: “cessate 1228 aziende agricole nel 2012”

Agricoltura“E’ come se la Fiat di Melfi avesse sospeso per un anno intero la produzione: 1.228 aziende agricole lucane nel 2012 hanno cessato l’attività ( con un leggero miglioramento rispetto al 2011 quando sono state 1.334) rappresentano tra occupazione diretta e indotta l’equivalente dei 5.500 posti dello stabilimento automobilistico lucano”. A sottolinearlo è la Cia-Confederazione Italiana Agricoltori riferendo che “secondo i dati ufficiali di Unioncamere sono state 816 in provincia di Potenza e 412 in provincia di Matera le imprese della coltivazione dei campi che sono state cancellate dagli albi delle due Cciaa. L’agricoltura – evidenzia la Cia – paga dunque l’assenza di misure a sostegno del settore scontando pelle gli effetti della crisi economica, dell’introduzione dell’Imu e dei costi produttivi record.
Il modello di impresa agricola lucana continua a caratterizzarsi come “società di persona”: nel 2012 le società di capitale registrate risultano 275 (erano 292 nel 2011) e quelle attive 238 (erano 249 nel 2011).
A mettere sotto pressione il mondo agricolo è soprattutto il capitolo fiscale. Da una parte c’è l’Imu e dall’altra la macchina della burocrazia: non solo costa al settore più di 4 miliardi di euro l’anno (di cui un miliardo addebitabile a ritardi, disservizi e inefficienze della PA), ma fa perdere a ogni impresa quasi 90 giorni di lavoro l’anno solo per rispondere a tutti gli obblighi tributari e contributivi.
A tutto questo -continua la Cia- si aggiunge la stretta creditizia e l’aumento dei costi di produzione, trascinati in alto dai rincari di gasolio e mangimi, annullando quasi i margini di guadagno delle imprese, che chiudono il 2012 con redditi al palo (+0,3 per cento)”. Per la Cia serve “una riduzione dei costi, una semplificazione amministrativa e fiscale, un miglioramento dell’accesso al credito, contratti sicuri con i soggetti della filiera, soprattutto con la Grande distribuzione organizzata e di una spinta decisa verso l’aggregazione”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*