A Rotondella torna la sagra “U Pastizz R’Tunnar”

Non solo albicocche. Rotondella, il borgo collinare della provincia di Matera, famoso per lo più come “terra delle albicocche”, torna in festa, qualche settimana dopo la 25esima edizione della sagra dell’albicocca, per celebrare un’antichissima specialità del paniere agroalimentare lucano: “U Pastizz R’Tunnar”. Si tratta di un particolare ( se non unico nel suo genere) prodotto da forno a forma di mezzaluna dal colore dorato, ripieno di carne di maiale, condita con uova, formaggio, prezzemolo, olio extra vergine d’oliva, pepe e sale. Un pasto unico e consistente, insomma, per gli agricoltori e gli allevatori di un tempo, che lo portavano con sé a lavoro. Ed un moderno tipo di “street food” per tutti coloro che oggi hanno il desiderio di gustare, non per forza seduti al tavolo di un ristorante, un delizioso pezzo di Basilicata. La ricetta del Pastizz, infatti, a Rotondella viene tramandata di generazione in generazione e racchiude la genuinità ed il gusto di prodotti d’eccellenza del territorio insieme al territorio stesso. Degustare U Pastizz R’Tunnar a Rotondella equivale infatti a compiere un’esperienza unica, a trecentosessanta gradi. Tanto che, per l’edizione 2022 della sagra, che si terrà per tre giovedì consecutivi di agosto – il 4, l’11 ed il 18 – il Vicesindaco con delega all’Agricoltura Pasquale Dimatteo ha deciso di introdurre un’interessante novità: i laboratori esperienziali. A cura delle nonne di Rotondella e delle donne appartenenti alle principali associazioni di categoria agricole operanti sul territorio, i laboratori esperienziali saranno rivolti non solo a bambini e ragazzi, ma anche a tutti i visitatori che arriveranno sul “balcone dello Jonio” per prendere parte alla sagra. Nel corso dei laboratori, che prenderanno il via alle 18.30 dei tre giovedì, in alcuni stand appositamente istituiti nelle principali piazze e strade del borgo, si assisterà alla preparazione del Pastizz sul tradizionale spianatoio di legno e con i mattarelli. Al contempo si potranno ascoltare il racconto della sua lunga tradizione ed i segreti per la sua preparazione, insieme, naturalmente, alla possibilità di degustarlo. Dopo questi interessanti momenti di teoria e pratica, al via la vera e propria fase di assaggio e degustazione, a cura di locande, trattorie, ristoranti e bar del paese che, per l’occasione, potranno allestire tavoli all’esterno ed accogliere i turisti desiderosi di assaggiare il prodotto dal caratteristico bordo ondulato che richiama la topografia semicircolare di Rotondella. A scanso di equivoci, U Pastizz R’Tunnar non è un semplice prodotto da forno, ma un Pat (Prodotti Agroalimentari tradizionali) uno dei 211 Prodotti agroalimentari di qualità lucani ufficialmente riconosciuti dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Non solo, fa parte anche del paniere di prodotti dell’Arca del Gusto di Slow Food, che valorizza la biodiversità agroalimentare, raccogliendo i prodotti che appartengono a alla cultura, alla storia ed alle tradizioni di tutto il pianeta.

Ognuna delle tre serate della sagra, prevede infine, spettacoli ed intrattenimento musicale, con street band, sbandieratori, gruppi folk itineranti e tanta musica popolare, che completeranno l’offerta variegata e molto particolare di Rotondella, un borgo antico e dalle antiche tradizioni, che non si può non amare.

Post correlati