Personale del pronto soccorso in formazione a Manchester

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

pronto soccorso

L’Azienda Sanitaria di Matera, con il dipartimento di emergenza-urgenza, unità operativa del pronto soccorso, diretta dal dottore Carmine Sinno, insieme alle Aziende Sanitarie di Firenze e Cagliari ha partecipato al progetto Europeo Enpros  “Emergency Nurse Professionals’ Skills to improve quality of health services”, avente come capofila l’Azienda Ospedaliera Cto Maria Adelaide di Torino, che prevede la formazione  degli operatori presso strutture ospedaliere inglesi dove viene applicato il ”Manchester Triage”.

Questo sistema di triage è utilizzato in numerosi paesi del Nord Europa ed è ritenuto uno dei metodi più accreditati per l’applicazione dei criteri di accesso alle prestazioni d’urgenza.

Dal prossimo 18 maggio, sette infermieri del Pronto Soccorso di Matera, e due infermieri del Pronto Soccorso Attivo di Policoro,  coordinati da A. Contini, componente del Comitato Nazionale Triage, si recheranno in dipartimenti d’emergenza di Manchester per  approfondire le conoscenze del contesto inglese, confrontare i metodi lavorativi e realizzare il passaggio delle informazioni per i necessari cambiamenti  culturali  e lavorativi.

Il triage è un procedimento decisionale al servizio del paziente/utente volto a garantire cure e priorità assistenziali sulla base dell’espressione di un quadro clinico.

È praticato da personale laureato in scienze infermieristiche, che abbia conseguito una formazione specifica, con almeno sei mesi di esperienza lavorativa in pronto soccorso.

Tale sistema di priorità d’accesso alle prestazioni d’urgenza nei pronto soccorsi si basa sull’attribuzione di  quattro codici colori  bianco(nessuna urgenza), verde, giallo, rosso (urgenza massima) che vengono attribuiti fondamentalmente in base alla stabilità dei parametri vitali (Pressione Arteriosa, Frequenza Cardiaca e Respiratoria, Saturazione d’Ossigeno, Stato di Coscienza ).

Il triage è una attività in continua evoluzione e pertanto è necessario la continua formazione  del personale infermieristico.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 1105volte!

Tags: , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto