Maltempo: è emergenza nel Metapontino

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

Terreni completamente allagati, colture distrutte e forti disagi alla circolazione stradale.
È la situazione venutasi a creare dopo il violento nubifragio che si è abbattuto nella giornata di martedì su tutto il Metapontino.
La pioggia non cade più e ha lasciato il posto al sole, ma le situazioni di emergenza sono numerose.
Il punto più critico è a Metaponto, dove i fiumi Bradano e Basento hanno rotto gli argini, esondando in più punti e allagando vaste aree.
Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia, Corpo Forestale, Guardia di Finanza e Protezione Civile per soccorrere intere famiglie rimaste bloccate nelle proprie abitazioni, soprattutto nelle aree rurali.
Un’azienda zootecnica è stata invasa dall’acqua, con conseguente decesso di circa 400 capi di bovini e circa 20 capi ovi-caprini.
In un’altra abitazione rurale sono state tratte in salvo 3 persone rifugiatesi sul tetto.
Anche nelle campagne di Policoro è stato necessario evacuare alcuni nuclei familiari, due in località Madonnella, nei pressi del fiume Agri, e due in località Giumenteria, dove è esondato il fiume Sinni. Chiuso per allagamento il sottopasso che conduce a località Torremozza.
Ancora disagi lungo le strade joniche, chiuse da lunedì pomeriggio per le forti piogge.
Chiusa in più punti la statale 106 Jonica: all’altezza dello svincolo per la statale 598 Valdagri, in territorio di Scanzano Jonico, e al km 447, in località Metaponto, in entrambe le direzioni, a causa dello straripamento del fiume Bradano. Interdetto al traffico anche il sottopasso al km 420, in località Guardiamarina.
Ancora chiuso anche un tratto della Statale Valdagri, dal km 102.1 al 104, per l’esondazione del fiume Agri.
Disagi maggiori sono registrati sulla Statale 407 Basentana, a causa del cedimento di una pila del viadotto “Calciano 2”, all’altezza del km 37,530. In quel tratto la strada è chiusa in entrambi i sensi di marcia.
Circolazione difficile anche sulla provinciale ex SS 175 Metaponto – Montescaglioso: in territorio di Bernalda diversi punti sono del manto stradale sono completamente allagati.
Problemi anche per chi viaggia in treno.
Sospesa infatti la circolazione dei treni, fra Ferrandina e Salandra e fra Ginosa e Metaponto, per l’allagamento della sede ferroviaria dopo lo straripamento del Bradano e del Basento.
Trenitalia ha reso noto di aver attivato un servizio sostitutivo con autocorriere sulla linea Potenza-Metaponto-Taranto: gli autobus effettueranno “una deviazione via Laterza-Matera, con un allungamento dei tempi di viaggio di circa un’ora”.
Una situazione di fortissima criticità, tanto che il prefetto di Matera, Francesco Monteleone, ha deciso di chiedere al Ministero dell’Interno e al Dipartimento della protezione civile l’intervento dell’Esercito. 
Commenti

Questo articolo è stato letto 458volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto