“Rendere i musei lucani più competitivi nel panorama culturale italiano”

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

museo

Il numero di visitatori nei museo e siti archeologici della Basilicata tra gennaio e maggio di quest’anno, secondo i dati diffusi dal Mibac, è stato di 108.554.

“Un buon risultato, tenuto conto dell’imminente stagione estiva che è quella che determina i flussi maggiori di visitatori che nel 2017 sono stati complessivamente 250.420 (contro i 235.468 del 2016) con un incremento del 6,35%. Ma – commenta Piero Scutari, presidente del Centro Studi Turistici Thalia – non dobbiamo accontentarci dell’effetto numerico. Dall’analisi del Centro Studi Turistici Thalia, il numero di tutti i visitatori messi insieme nei 17 luoghi della cultura statali presenti in Basilicata equivale a quelli di un anno alla Grotta Azzurra di Capri, è minore rispetto a quello dei visitatori di Paestum o a quanti sono i visitatori in soli tre giorni a Pompei. Altro dato fortemente negativo è quello della permanenza media del turista nelle località lucane di turismo culturale (a Matera non supera i 2 giorni). Cifre che stonano rispetto ad un target specifico, il turista culturale, che è più propenso a spendere 52 euro al giorno per l’alloggio, in media, e 85 euro per spese extra, contro i 47 euro per alloggio e 75 per gli extra di chi viaggia per ragioni non culturali. Tra i primi per visitatori si conferma il museo archeologico nazionale del Melfese “Massimo Pallottino” , seguito dal museo nazionale d’arte medievale e moderna della Basilicata di Matera. A seguire il museo archeologico nazionale di Metaponto e il museo nazionale della Siritide a Policoro.

Alcuni esempi: la Costa Ionica registra centinaia di migliaia tra arrivi e presenze, eppure il museo della Siritide fa solo 17.000 visitatori, da aggiungere ai 16.000 del parco archeologico. Il tempio delle Tavole Palatine, che oltretutto è gratuito, solo 25.000 visitatori, ovvero poco più del 10%. Il museo nazionale di Matera fa 33.700 visitatori su 281.000 arrivi, questo – dice ancora Scutari – evidenzia due cose: il potenziale di crescita e l’incapacità di fare promozione di coinvolgere i turisti di farli rimanere e far visitare e scoprire il territorio. Manca una strategia; è evidente, e non ha caso il dato che la gente si ferma solo una notte e non visita tutto ciò che il territorio offre è palese. E tra le contraddizioni: il museo di Melfi ha molti più visitatori del museo di Matera pur avendo la metà dei turisti di Matera a conferma che quando si leggono e si incrociano attentamente i numeri si hanno tante sorprese. Di sicuro emerge il fallimento della fruibilità dell’offerta turistica materana. Matera, la punta di diamante della Basilicata sino a diventare la Capitale Europea 2019, con un patrimonio che il mondo ci invidia, è la località della Basilicata dove i turisti si fermano di meno; soggiornano di più nel Melfese e in tutte le altre aree della Basilicata la gente soggiorna come media il doppio di Matera.

E’ necessario interrogarsi sulle cause e intervenire rapidamente come sta cercando di fare il ministro Bonisoli. Dobbiamo perciò – continua la nota del Thalia – recuperare molte posizioni e quindi rendere i 17 luoghi della cultura statali presenti in Basilicata più social e dotati di moderne tecnologie per competere con l’offerta cultura italiana ed europea. Per capire il ritardo il riferimento è ai pannelli nei musei in gran parte inadeguati e solo in lingua italiana”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 109volte!

Tags: , , , , , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto