La Regione Basilicata blocca le attività al Centro Oli di Viggiano

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca, In Primo Piano

Pozzo Viggiano

“A seguito della costante vigilanza effettuata da Arpab anche nelle ultime ore, che ha evidenziato la migrazione della contaminazione, causata dallo sversamento dei serbatoi del Cova di Viggiano, e a fronte di inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali, il presidente della Regione, Marcello Pittella, e l’assessore all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, unitamente al direttore di Arpab, Edmondo Iannicelli, e alla struttura regionale hanno incontrato, nel pomeriggio di sabato, il vice prefetto vicario di Potenza Maria Rita Cocciufa, accompagnata da Fulvia Zinno, con l’obiettivo di evidenziare al rappresentante territoriale del Governo nazionale la criticità della situazione. All’incontro erano presenti anche il presidente della Provincia Nicola Valluzzi, i sindaci di Viggiano e Grumento Nova, Amedeo Cicala e Antonio Imperatrice, e i rappresentati di Vigili del Fuoco e Consorzio industriale di Potenza”.

A renderlo noto, in un comunicato, l’ufficio stampa della Regione Basilicata.

“Nel corso della riunione, la Regine ha nuovamente diffidato Eni alla tempestiva ottemperanza delle prescrizioni (contenute nelle misure di emergenza) più volte intimate dal massimo Ente locale e volte a fermare l’avanzamento della contaminazione, proseguendo contestualmente con urgenza con le attività di caratterizzazione per una puntuale bonifica dell’area.

A valle dell’incontro, la Giunta regionale si è riunita in via straordinaria ed ha deliberato la sospensione di tutte le attività del Centro Olio di Viggiano.

La decisione è stata successivamente comunicata dal presidente Pittella ai ministri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, Gianluca Galletti e Carlo Calenda”.

“Dopo la notizia che la Regione Basilicata ha deliberato la sospensione di tutte le attività del Cova , il comitato dei professionisti costituito da Avv. G. Bellizzi,  ing. A. Alberti, Avv. A.G. Romano e Avv. R. Viggiano, non abbassa la guardia e ritiene che questo provvedimento sia scaturito tardivamente e sia stato adottato solo dopo che la situazione si sia rivelata in tutta la sua gravità.

Comunque esso è solo il primo passo che occorre fare per evitare il disastro ambientale e per evitare che il fermo del Cova si trasformi in una crisi lavorativa per i tanti che lavorano nel settore petrolifero .

Riteniamo che la semplice sospensione delle attività del Cova possa essere addirittura un’azione inutile, se non supportata da successivi ulteriori provvedimenti.

Gli obbiettivi che le autorità dovrebbero perseguire in questo momento, riteniamo siano più di uno :

  • Arginare la diffusione del petrolio per evitare la contaminazione del fiume Agri e degli acquiferi coinvolgendo, se necessario, anche professionalità nel settore idrogeologico esterne all’ENI ed alla Regione;
  • Progettare ed effettuare interventi di adeguamento del COVA, valutati da una Commissione Tecnica Comunale a cui dovrebbero partecipare anche rappresentanti delle Associazioni Ambientalistiche, affinché gli interventi risultino incisivi ed esso possa funzionare in sicurezza ;
  • Concertare, insieme ad ENI, un piano per utilizzare il personale anche e soprattutto nelle attività di bonifica del territorio e durante i necessari e importanti lavori di adeguamento alle norme di sicurezza del Centro Olio ;
  • Disporre l’interdizione della zona Industriale all’insediamento di nuovi impianti , fino alla completa bonifica dal petrolio del territorio, affinché non si rischi di insediare attività (per esempio l’impianto SIMAM) che costituiscano altri motivi di preoccupazione e di impatto ambientale.
  • Chiediamo quindi che la Regione Basilicata disponga con decreto l’incompatibilità ambientale di tutti i progetti che potrebbero avere impatti impattanti per una zona, quella dove si insedia il COVA, già a rischio di disastro ambientale anche in considerazione dell’effetto cumulo e quindi che si disponga il rigetto del progetto SIMAM;
  • Inoltre chiediamo che la Procura di Potenza e le Prefetture competenti dispongano tutti gli accertamenti del caso per verificare le eventuali violazioni della legge compiute e quindi chiediamo che l’autorità giudiziaria disponga provvedimenti volti a garantire il fermo del COVA sino a quando non sarà accertata con sicurezza la causa del danno e la sua effettiva portata , oòtre a individuare con precisione le responsabilità per fatti e omissioni in merito a quanto accaduto;
  • Chiediamo anche che il Ministero dell’Ambiente disponga in merito al fermo del COVA con proprio provvedimento a supporto di quanto disposto dalla regione Basilicata, atteso che l’impianto rientra tra quelli soggetti alla Legge Seveso III e classificati impianti industriali a rischio incidente rilevante.

Il nostro comitato, che è nato spontaneamente e che ha come unico scopo la salvaguardia del nostro habitat e dell’interesse collettivo, non vuole solo essere critico nei confronti delle istituzioni, ma vuole soprattutto lavorare insieme al esse per trovare le migliori soluzioni a questi scottanti problemi, ma soprattutto in tempo utile e non a scoppio ritardato , come è avvenuto fino ad ora.

Pertanto invitiamo il Sindaco Cicala di farsi promotore di un incontro con il nostro comitato per vagliare le nostre proposte e portarle nelle sedi opportune affinchè vengano attuate”.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 187volte!

Tags: , , , , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto