Colpito vasto giro di spaccio nella fascia jonica

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca, In Primo Piano

Arresto

I Carabinieri della Compagnia di Pisticci hanno notificato 44 avvisi di garanzia a soggetti, dimoranti in Basilicata, Calabria e Puglia, responsabili di spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, detenzione di armi, intestazione fraudolenta di beni e riciclaggio.

Le indagini, condotte dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Pisticci, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica Annunziata Cazzetta, hanno permesso di inquadrare diverse cellule criminali che, in autonomia tra loro, gestivano piazze di spaccio su comuni del versante ionico materano.

Già nel corso delle indagini, eseguite con ausili tecnici e intercettazioni telefoniche, erano stati effettuati numerosi riscontri all’attività di spaccio, con arresti e sequestri di droga come quello eseguito in Metaponto, loc. Pizzica, strada provinciale ex SS 175, a carico di P.F., 30enne materano, trovato in possesso di 20 chilogrammi di Marijuana o sulla statale 106 a carico di L.E., 40enne bernaldese, trovato in possesso di un chilogrammo della stessa sostanza.

Ulteriori 26 chilogrammi sono stati sequestrati a Senise, a D.R., 50enne materano e 20 chilogrammi sono stati sequestrati a Matera a F.P. 30enne di origine calabrese. Numerosi sono stati anche i sequestri di altre droghe come cocaina e hashish.

Le indagini hanno dimostrato inoltre diversi canali di approvvigionamento per le diverse tipologie di sostanze nelle limitrofe Calabria e Puglia.

La pericolosità dei soggetti è stata desunta anche dal possesso di armi di taluni degli indagati, in particolare S.G., 60enne scanzanese e D.R., 50enne di Matera, avevano la disponibilità rispettivamente di una mitraglietta e una pistola.

Sequestrata, in Matera, anche una 7,65 a P.A. di Vibo Valentia.

Uno di questi soggetti, S.G. di Scanzano Jonico, aveva intestato ad altri personaggi F.C., D.C., sempre di Scanzano beni di ingente valore tra i quali diversi appartamenti, un’imbarcazione di lusso, ecc.. Le indagini hanno dimostrato gli enormi profitti che questi criminali riuscivano ad ottenere nell’illecito mercato della droga e la conseguente necessità di riciclare le somme di denaro sporco.

Toccherà ora agli indagati fornire eventuali difese o richiedere l’interrogatorio prima del rinvio a giudizio.

Compagnia Carabinieri Pisticci

Commenti

Questo articolo è stato letto 110volte!

Tags: , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto