Bernalda: rinviato a giudizio per la rapina all’ufficio postale

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca


Un cinquantenne di Massafra è stato rinviato a giudizio per la rapina all’ufficio postale di Bernalda, avvenuta nel gennaio del 2010.
L’accusa è di rapina aggravata dall’uso delle armi e perché commesso da tre persone.
Nel gennaio del 2010 si verificarono due rapine negli Uffici postali di Marconia e Bernalda, dove, con modalità simili, i malviventi irromperono con armi in pugno nei suddetti uffici ed asportarono il denaro contenuto dalle casse. 
Il bottino fu di € 20.000 a Marconia e di € 6.000 a Bernalda. 
Ne scaturiva una pressante caccia all’uomo che in un primo momento dava esito negativo.
La tenacia investigativa ha portato a evidenziare alcune imprudenze commesse dai malviventi, che hanno permesso di focalizzare le attenzioni investigative su taluni soggetti operanti nella vicina regione Puglia nonché di vagliare le posizioni di soggetti di interesse operativo locali. 
Sono seguite complesse attività investigative, condotte congiuntamente dal Comando Compagnia Carabinieri di Pisticci e dalla Questura di Matera, che hanno permesso di identificare ed arrestare uno degli autori della rapina ai danni dell’Ufficio Postale di Bernalda e porre fine a fatti della medesima tipologia.
Il malvivente è stato localizzato da parte dei Carabinieri di Pisticci dopo lunghe ricerche, ed arrestato in pieno centro di Massafra, dove non ha opposto alcuna resistenza, anche se sulla vicenda si è tenuto il necessario riserbo.
Dopo l’iter procedurale, il magistrato inquirente, a termine dell’attività di indagine, è convenuto con le risultanze investigative prodotte dall’Arma di Pisticci e ha rinviato a giudizio uno degli autori della rapina a mano armata dell’Ufficio Postale di Bernalda.
Le predette attività investigative si collocano nel quotidiano e congiunto impegno che Carabinieri e Polizia dell’area Pisticcese e Metapontina stanno attuando, con intenso impegno di risorse, sia in chiave preventiva che repressiva, per fronteggiare le richieste di intervento che pervegono.
Intanto continuano congiuntamente anche le indagini sulla rapina a mano armata perpetrata alla Banca Carime di Marconia.

Fonte: Comando Compagnia Carabinieri Pisticci
Commenti

Questo articolo è stato letto 360volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto