Al Buon Pastore di Policoro due nuove tele del maestro D’Acunzo

Scritto da Emmenews on . Postato in Cultura

la pentecoste

Saranno inaugurati e mostrati ai fedeli domenica sera, alle ore 18,30,  le due tele sacre che il maestro Vincenzo D’Acunzo ha realizzato per la chiesa del Buon Pastore di Policoro.

Si tratta di due opere raffiguranti “La Pentecoste” (pala d’altare cm 350 x 180) e “Giovanni l’Evangelista” (cm 160 x 110), realizzati con l’acrilico su tavola, che arricchiranno le pareti dell’importante luogo di culto della cittadina jonica, affidata da sempre al parroco don Salvatore De Pizzo.

Allo svelamento e alla benedizione dei dipinti parteciperà mons. Francescantonio Nolè, vescovo della diocesi di Tursi-Lagonegro, che presiederà l’Eucaristia e concluderà poi anche la cerimonia di presentazione critica dei quadri, alla presenza dell’autore.

giovanni l'evangelista

Il catalogo è stato redatto da don Giovanni Lo Pinto, direttore diocesano delle Comunicazioni sociali, che ha tracciato un’articolata lettura biblico-teologica dell’opera: “Con la dirompenza cromatica di D’Acunzo, ci troviamo nel Cenacolo che, forte della dolcezza dello Spirito Santo, si è spostato sui colli del Metapontino, in una stanza con quattro archi, da cui vedere, come in una fotografia, Tursi, Anglona e Policoro in due sezioni. Un evento ancora una volta in chiave ‘ripresentativa’, permettendo al mistero di attualizzarsi e lasciarsi vedere qui ed ora”.

Sulle note compositive e tecniche di realizzazione dei due lavori è il contributo di Gianluca Pizzolla, direttore responsabile del giornale on line ilMetapontino.it: “Tali lavori in acrilico su tavola, sono di pregevole ideazione, di notevole fattura tecnica ed efficace cultura estetica. L’autore ha messo a punto una suo metodo molto laborioso e certosino, per non rinunciare alla brillantezza, modernità e indubbio fascino dell’acrilico. Inoltre, sono di primaria importanza il panneggio e il paesaggio che partecipano al messaggio salvifico dell’opera”.

La sintesi dei testi sarà svolta al pubblico da Antonella Gallicchio, operatrice culturale. La parrocchia del Buon Pastore, dunque, è al centro di un evento artistico religioso, reso possibile con il fattivo apporto del medico Giambattista Parciante, ringraziato ufficialmente in privato e in pubblico.

Nato a Padula (SA) nel 1950, ma tursitano da sempre, Vincenzo D’Acunzo è considerato tra i maggiori ritrattisti meridionali e sicuramente dell’arte religiosa, dove è approdato dopo una ricerca iniziata nel 1973, che lo ha portato dai materiali poveri all’arte del riciclaggio (1978) e al tema del sacro, nell’ultimo decennio. Le sue opere fanno parte di numerose collezioni e sono ormai in varie chiese, apprezzate dalla critica anche internazionale e dai fedeli (www.vincenzodacunzo.it).

Tra gli altri, nella cattedrale diocesana dell’Annunziata di Tursi sono collocati la “Incoronazione della Vergine” e i quattro ovali “Gli Evangelisti” (2008), utilizzati da mons. Ottavio Belfio di Udine come copertine dei quattro testi di intensa riflessione sui Vangeli, mentre a Padula è installato il maxi quadro “Padula è Gerusalemme: Crocifissione” (2013).

L’artista ha svolto il tour d’arte “Equilibrio sopra la follia” (2011), in Basilicata e fuori, consolidando poi una fruttuosa collaborazione con romanzieri, poeti, storici e giornalisti, per illustrazioni e copertine di libri.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 625volte!

Tags: , , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto